Le Costellazioni Familiari

 Le costellazioni familiari, sempre di più si parla di questo valido metodo di aiuto alla trasformazione emotiva e concreta della persona, per aiutarla a sciogliere i blocchi che le impediscono di arrivare con successo alla sua realizzazione in campo affettivo, lavorativo, spirituale. Si basa su un lavoro personale che coinvolge tutto il campo energetico familiare fino a ripulirlo di ogni blocco di tipo energetico emozionale e liberare così tutta la discendenza passata e futura di questo peso che impediva la felicità e la realizzazione.

Nei nostri sette corpi sottili vengono trasmessi carichi, angosce, ansie, rabbie, situazioni segrete del nostro albero genealogico mai svelate, provenienti da generazioni lontane ma ancora in grado di limitare il nostro benessere, ecco perché l’uso dell’arte delle costellazioni familiari facilita e aiuta, per non dire purifica, i campi animici e morfologici di intere generazioni, è uno strumento rapido e di grande aiuto che si può bene integrare con altra tipologia di terapia.

La messa in scena delle Costellazioni Familiari con il metodo Gilles Placet è uno strumento terapeutico che ha come scopo ripulire il campo familiare dalle memorie negative familiari dei traumi e riportare l’ordine all’interno del clan, liberando gli antenati per preparare il futuro alle generazioni successive, perché tutto ciò che non è risolto si trasmette attraverso i sette corpi sottili della persona, tutto questo avviene attraverso una messa in scena durante la quale si entra in connessione con il proprio cervello limbico, che ha la funzione di archiviare tutte le informazioni e di renderle disponibili al bisogno. Attraverso questo principio si può accedere alla memoria dell’albero genealogico, vale a dire al campo morfico della persona per cercare ciò che le impedisce di raggiungere il proprio obiettivo. Nella costellazione l’accesso al campo è ciò che permette ad un rappresentante di reperire le informazioni necessarie allo svolgimento del lavoro.

Si sbloccano situazioni anche soltanto a partecipare ed entrare nei ruoli, è uno strumento sacro e di notevole potenza.

Come ti possono aiutare:

  • nel portare alla luce blocchi inconsci che ti rendono difficoltosa una relazione di coppia o le relazioni di qualsiasi altro genere;
  • nel superare emozioni forti che ti impediscono di esprimerti al meglio (rabbia eccessiva, sensazioni di disagio, paure, fobie …);
  • nel sciogliere nodi e lasciando andare pesi derivanti dal passato riportando equilibrio e leggerezza nella vita presente;
  • nel sistemare problematiche di tipo lavorativo;
  • nel sciogliere problematiche di relazione, di amicizia, di svalutazione e mancato riconoscimento di noi stessi, riportando così l’autostima per noi stessi;
  • nel scoprire le situazioni nascoste legate ad una dipendenza o una malattia;
  • nel superare o affrontare morti premature, lutti precoci;
  • nell’elaborazione di un aborto;
  • nel gestire situazioni di divorzio e separazione;
  • nel gestire e comprendere le difficoltà di  bambini ritenuti problematici e difficili;
  • avviare nuove attività o sciogliere situazioni che rallentano il buon andamento
  • e tanto altro ancora

Tipologie di Costellazioni Familiari: Sistemiche, Quantiche, Karmiche.

 Chi può farne uso: ognuno di noi può fare uso di questo strumento, sempre sotto l’occhio attento di un facilitatore, chi sente la necessità di districarsi dai pesi e dai blocchi, di trovare il proprio benessere psico-fisico, di conoscere e comprendere come uscire dalle situazioni limitanti rispetto al proprio vivere concreto.

Le costellazioni aprono porte all’infinito amore che tutto purifica e risistema in un’ottica di grande equilibrio e grande rispetto, ridando ad ognuno le responsabilità e il posto all’interno della famiglia.

Per ulteriori e maggiori informazioni visita la pagina dedicata alle costellazioni familiari sul mio sito

 

“Non sei venuto qui per realizzare il progetto personale degli adulti che ti impongono mete che non sono le tue,

la principale felicità che ti offre la vita è consentirti di arrivare a te stesso.”

Alejandro Jodorowsky

Back To Top