HEALTH AND FOOD,  NATUROPATIA E TERAPIA OLISTICA

Difese immunitarie – Equilibrare la produzione di muco

Siamo stati tutti toccati più o meno, direttamente ed indirettamente dal Covid-19, ancora adesso siamo alle prese con mascherine, guanti, distanze, app di controllo infezione, ma quello che sento poco dai vari esperti interpellati dai nostri politici è di prendersi cura di sé stessi, con una sana alimentazione, con qualche attività fisica, con il rispetto dei tempi umani, il discorso potrebbe prendere una piega molto più ampia di qualche semplice regola che ci può essere di aiuto in questi mesi in previsione della stagione autunnale ed invernale.

«Ma come è estate perché dobbiamo pensare all’autunno?»

Non ti do torto, dopo la quarantena, dopo lo stare chiusi in casa, si ha solo voglia di respirare aria e sole.

Perché non sfruttare il potenziale estivo per iniziare a recuperare forze, eliminare tossine e fortificare il nostro organismo?

Prendo spunto da una locuzione latina tratta da un capoverso delle Satire di Giovenale: «Mens sana in corpore sano»

(LA)

«Orandum est ut sit mens sana in corpore sano»

(GiovenaleSatire, X, 356)

(IT)

«Bisogna pregare affinché ci sia una mente sana in un corpo sano»

Giocando con le parole Mens Sana arriviamo alla frase mensa sana, la nostra alimentazione è la base per un sano equilibrio psico-fisico, oltre ad essere anche la base di partenza per costruire i nostri anticorpi e difese immunitarie.

Ora veniamo alla parte terroristica dell’articolo, come avrai letto dal titolo, andiamo a parlare degli amatissimi carboidrati. L’Italia è il carboidrato per eccellenza, siamo la nazione del pane, del riso, di ogni cereale, di ogni bene di Dio cotto, crudo, scottato. La dieta mediterranea è una delle più complete se seguita in modo corretto e senza abusarne.

Il problema fondamentale degli sfarinati è l’eccessiva raffinazione che subiscono nei trattamenti dell’industria alimentare, oltre all’impoverimento dei grani, l’incremento delle varietà di grano tenero a danno delle varietà di grano duro, ha portato si all’aumento della produzione cerealicola ma anche ad un abbassamento del valore nutritivo, togliendo sostanze nutritive ed aumentando notevolmente la quantità di glutine presente nella farina, con annesso aumento delle intolleranze più o meno gravi.

Riportare sulla nostra tavola i grani antichi sarebbe un toccasana perché hanno un giusto apporto di fibra, glutine e sali minerali, questo comporterebbe una diminuzione di produzione ma anche un aumento del benessere umano.

Fondamentalmente l’eccessivo uso di carboidrati provoca un aumento della produzione del muco nel corpo, cosa significa questo? Quando il corpo ha muco e liquidi corporei in eccesso deve espellerlo in un qualche modo, quindi infiamma le mucose e iniziano le tossi, i raffreddori, quando il corpo è pieno questo muco può scendere all’interno dell’intestino per essere espulso sotto forma di candidosi.

Limitare l’assunzione di alcuni alimenti può aiutare a mantenere in equilibrio la produzione di muco, ribadisco la parola limitare, ho la convinzione che poco e di tutto sia la forma di alimentazione preferibile all’eliminazione completa, a patto che non ci siano dei casi di intolleranze gravi di tipo alimentare. Il muco ha una sua specifica funzione di lubrificante delle mucose, altrimenti si essiccherebbero con notevoli danni, inoltre, cattura batteri e pulviscolo filtrandoli dal naso.

Per cui, parola d’ordine è equilibrio, giusta dose di amidacei (pasta, patate, pane – preferite pasta e pane di grano duro, tef, grano saraceno con basso apporto di glutine), giusta quantità di latticini, frutta secca. Aumentate il consumo di frutta, verdura, legumi, ottime sono le zuppe o i passati di verdura che ripuliscono il nostro corpo e bilanciano vitamine, sali minerali e fibre.

In questo modo il nostro organismo non si sovraccaricherà di tossine da espellere attraverso l’eccessiva produzione di muco producendo così raffreddori, bronchiti.

I pani che si acquistano imbustati, il pane da tramezzini, i vari pani morbidi che si trovano nella G.D.O. sono dannosi sia per la salute e per la linea, riprendere a cucinarsi il pane, i biscotti sarebbe il massimo per la nostra salute, avendo cura di selezionare farine con poco glutine, miscelandole tra loro.

Alla prossima puntata.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: